Turismo in Slovenia Visitare Lubiana, una guida per visitare e scoprire Lubiana, Slovenia.

Bandiera Slovenia

   

Siti utili

Terme in Slovenia
Casinò in Slovenia

Storia della città di Lubiana

Nel luogo dove ora sorge Lubiana esisteva un insediamento romano fondato nel 15 d.C. chiamato Emona. La città venne menzionata per la prima volta con il suo nome attuale nel 1144 (nella versione tedesca Laibach) e nel 1146 (con il nome Luwigana).

L'insediamento ricevette il titolo di città nel 1220 e nel 1335 passò sotto il dominio austriaco degli Asburgo che si protrasse fino al 1918. Durante questo periodo Lubiana serviva da capitale al ducato di Carniola.

.

Lubiana divenne anche la sede di una diocesi nel 1461 e divenne il principale centro culturale sloveno a partire dalla prima età moderna. Ciò nonostante rimase per secoli sotto una forte influenza culturale austriaca e la componente tedesca e ancor più tedescofona della sua popolazione ebbe un ruolo predominante e per un tratto maggioritario nella società cittadina fino all'inizio del XX secolo.

Il dominio degli Asburgo venne brevemente interrotto durante le guerre napoleoniche e tra il 1809 e il 1813 Lubiana fu la capitale delle Provincie illiriche del Primo Impero francese. Con il collasso dell'Impero Austro-Ungarico nel 1918 Lubiana passò al Regno dei Serbi Croati e Sloveni poi tramutatosi in Regno di Jugoslavia.

Nell'aprile del 1941 fu occupata dall'Italia fascista e il 23 febbraio 1942 venne fatta circondare completamente con del filo spinato a cui seguirono deportazioni di massa della popolazione slovena.[1] A causa di questi eventi venne premiata come città eroica da Josip Broz Tito nel 1955.

Fu liberata dalle truppe d'occupazione naziste (subentrate agli Italiani nel Settembre 1943) ad opera dell'Armata Popolare di Liberazione della Jugoslavia (partigiani titini) nel Maggio del 1945, a guerra già terminata da pochi giorni.

In questi mesi nel suo territorio si consumarono ulteriori stragi, testimoniate dai campi d'internamento e dalla riscoperta di alcune grandi fosse comuni (le ultime, scoperte appena a fine anni '90 - primi anni 2000 in occasione degli scavi per i cantieri della grande viabilità lubianese, l'anello autostradale metropolitano ultimato di recente), dovute alla "resa dei conti" ed alle rappresaglie che colpirono molti collaborazionisti nazi-fascisti slavi ed oppositori del nascente regime comunista.

Dopo la seconda guerra mondiale divenne capitale della repubblica jugoslava della Slovenia. Lubiana rimase capitale anche in seguito all'indipendenza della Slovenia nel 1991.

Torna alla pagina su Lubiana


Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/europada/public_html/application/library/Php/xmlrpc.inc on line 583